Sei qui: Home » Economia » COSENZA: COMMERCIANTE “CACCIA” LO STATO DAL SUO NEGOZIO. NON USA IL REGISTRATORE E VENDE CON LO SCONTO DEL 21%, EQUIVALENTE ALL’ALIQUOTA IVA

COSENZA: COMMERCIANTE “CACCIA” LO STATO DAL SUO NEGOZIO. NON USA IL REGISTRATORE E VENDE CON LO SCONTO DEL 21%, EQUIVALENTE ALL’ALIQUOTA IVA

[adsense_shortcode]

“Non pago più nessuna tassa”: Roberto Corsi, il commerciante che “caccia” lo Stato dal negozio
„”Sono stanco di essere vessato e ricattato da persone che dovrebbero tutelarci e che non lo fanno”: ecco la protesta di un commerciante cosentino“

commerciante

COSENZA - Ha portato il registratore di cassa fuori dal suo negozio di Montalto Uffugo, in provincia di Cosenza. Ha promesso che non batterà più uno scontrino: i soldi delle ricevute trattenuti dallo Stato andranno ai clienti sotto forma di sconto. E ha lanciato la sua singolare forma di protesta con un post (e una foto) sul suo profilo Facebook, condiviso in queste ore da migliaia di utenti.

Lui è Roberto Corsi e ha deciso di denunciare una situazione in cui si trovano centinaia di migliaia di italiani. Le difficoltà economiche, la pressione fiscale esorbitante, l’impossibilità di saldare i debiti con l’erario: di fronte a una realtà quotidiana a volte opprimente, il commerciante cosentino ha “cacciato” simbolicamente lo Stato dal suo esercizio commerciale. E molti, sul social network, prendono le sue difese.

Ecco il suo messaggio, una sorta di sfogo contro il sistema: “Non ho più nessuna intenzione di pagare le tasse a questo Stato in mano a politici ladri e criminali. Da oggi chi entrerà nel mio negozio avrà lo sconto del 21%. Quel 21% che lo Stato abusivamente mi chiede. Sono stanco di essere vessato e ricattato da persone che dovrebbero tutelarci e che non lo fanno. Sono stanco di non sapere per che cosa e per chi ho pagato le mie tasse in tutti gli anni della mia attività. Voglio che lo Stato mi dica come ha speso finora i miei soldi.

 

Sono stanco di Equitalia e di tutte le vergognose leggi fiscali, che sono dei veri crimini verso il popolo sovrano. Sono stanco di questo Stato che elargisce stipendi e pensioni d’oro a gente che non ha mai lavorato, e che sono il frutto di leggi scritte e approvate da politici sicari al servizio dei poteri forti e criminali. Io devo, in primo luogo, proteggere, e dar da mangiare, ai miei figli e alla mia famiglia”.

 

 

 

 

E continua: “Non posso difendere il mio popolo, ma ho il dovere di difendere la mia famiglia, ho messo fuori il registratore di cassa, così facendo ho tolto i delinquenti dalla mia attività.

 

Non mi fermerò: mentre la nave Italia viene messa con la barra dritta dalla ciurma dei governanti, io ho i figli in acqua, e nessuno mi butta un salvagente, nessuno mi butta una scaletta di salvataggio, difenderò fino alla morte i miei figli.

 

Non pago piu nessuna tassa. Ripeto, non posso salvare un popolo, ma ho il dovere di salvare e difendere i miei figli”.

 

Fonte: bastacasta.altervista.org
[adsense_shortcode]

10

Tags:

Commenti (32)

  • adele

    bravo sono con te ma dovremmo ribellarci tutti io infatti non pago più nulla come te sono stanca anch’io ho due bimbi e un marito senza lavoro.se bisogna protestare contattami.

    Rispondi
    • PIERA

      CI VORREBBERO MILLE PAROLE PER ENCOMIARTI IO NE USERO’ UNA SOLA,,,STUPEFACENTE…

      Rispondi
    • domenico

      ho solo sentito ..bravo ,fai bene, continua, cosi fagli vere chi siamo.noi siamo con te……….ecc..
      finalmente ..qualuno che parla di alleanzza…nel combattere questo stato. ..GRAZIE Adele!
      non siamo soli.

      Rispondi
    • Dubbioso

      Non paghi più nulla e te ne vanti pure?
      Tu mi derubi. Io lavoro 12 ore al giorno, 6 giorni su 7, e faccio una fatica tremenda a far quadrare i conti (sono pure sotto sfratto da 5 mesi). Però le tasse le pago tutte, perché lo prevede la legge. E le leggi si rispettano, oppure si lotta per cambiarle. Tu non hai voglia di lottare per cambiare le regole, hai solo voglia di ridurre i tuoi sacrifici. Non mi fai affatto pena, e anzi mi dispiace non poterti denunciare all’Agenzia delle Entrate. Mi fa rabbia pensare che io pago le tasse anche per gente come te, che usufruisce gratis di servizi pagati da me e dagli altri che pagano le tasse. Per me, quelli come te sono solo e soltanto dei parassiti. E dovreste ringraziare chi paga le tasse al posto vostro, mentre voi piagnucolate e usate quei soldi per mille cose non necessarie: non sei mai stata al cinema? Non hai mai comprato un paio di pantaloni in più? Mai fatto un giorno di vacanza? Possiedi un mezzo di locomozione o vai a piedi come me? Non diciamo fesserie, per favore: la balla del “non pago le tasse perché non me lo posso permettere” è una bugia che non regge. Nella tua vita ci sono tanti piccoli lussi che neanche consideri tali. E che ti concedi grazie al fatto di non pagare le tasse. Praticamente, ogni volta che prendi un caffè al bar, te lo stiamo pagando io e gli altri fessi che pagano le tasse. Vergognati.

      Rispondi
      • irene

        Scusami caro dubbioso… ma tu che lavoro fai? Lavori 12 ore… sei un dipendente? Se sei un dipendente le TASSE che le detraggono direttamente dalla busta paga e in che percentuale? Hai idea delle TASSE che dobbiamo pagare noi commercianti? Sei un commerciante? Non credo, altrimenti non parleresti in questo modo… Il signor Roberto Corsi non sta facendo il furbo semplicemente perchè la cosiddetta IVA (che poi è al 22% e non al 21% quindi non capisco a quando si riferisce questa notizia) è a carico del consumatore, quindi anche a carico tuo che compri pane, pasta, vestiti per te e per i tuoi figli etc… Quindi lui ti sta facendo risparmiare il 21% su quello che acquisti a suo rischio e pericolo… Non sarai TU quello che verranno a cercare Equitalia o L’agenzia delle Entrate bensì il signor Corsi, tu avrai risparmiato e a lui faranno IL CULO… Però tu sei uno che rispetta le leggi… Bravo! Ed i nostri politici quando impareranno a rispettare le leggi? MAI se tutti la pensano come te e se tutti ce lo facciamo mettere in quel posto ripetutamente senza muovere un dito… Continuando a pagare arricchiamo solo le loro pensioni d’oro e i loro vitalizi… Se hai 37 anni come me, caro mio, la pensione te la puoi pure scordare, primo perchè ci fanno crepare prima, secondo perchè, se raggiungiamo i 65 anni, i nostri soldi se li saranno sputtanati tutti loro, e con gli interessi!!!

        Rispondi
      • Giuseppe

        Caro Dubbioso, forse mi spacco la schiena piu’ di te in quanto ho una piccola impresa: so il mio orario di entrata e non di uscita e le dodici ore al giorno per me sono una normalità quotidiana.Cerco di pagare le tasse a fronte di un sacrificio enorme, ma con tutto cio’ condivido la posizione di chi si sta ribellando ad una pressione fiscale esageratissima a fronte di un tornaconto in termini di servizi e gratificazioni per la collettiviità, pari a zero! Ma la vogliamo finire di prenderci per il sedere con questo perbenismo fasullo? Quale popolo e’ tanto autolesionista come il nostro da eleggere come propri rappresentanti delle sanguisughe? Gente che vive nei privilegi, che si crogiola di pensioni d’oro, di vitalizi vergognosi e di quant’altro di offensivo per la dignità dei lavoratori. Ma che ben venga la protesta, almeno per una volta ci sentiamo uniti indipendentemente da un evento calcistico (quando gioca la nazionale di calcio, sembra che siamo tutti compatti, una vera nazione!).

        Rispondi
      • Giulia

        caro mio, sei tu in dipendente statale o cosa? Lavorare 12 ore per 7 gg a settimana e non arrivare a fine mese? Tu sei dipendente e come dicono gli altri le tasse non le paghi una ma ben si 5 volte con la tua busta paga, due volte su quella e tre volte su quelle in più- Lui è un commerciante. Non ha le spalle parate come le tue. Prima di sparare certe stronzate fatti due calcoli. Ai commercianti non regale niente nessuno, neanche 5 gg di vacanza e quelli di Equitalia, che dovrebbero garantirci una tranquillità economica sono i primi che vengono a chiederti i primi due anni di incassi appena apri una tua attività commerciale. Tu parli da coniglio, lanci il sasso e nascondi la mano. Svegliati che è ora di tirare giù i ladri dalle loro poltrone d’oro

        Rispondi
  • Paola

    Anche io ormai non pagp piu’ ……. Anche se volessi non posso e non ce la faccio proprio…. Ho una bimba e devo assicurarle un minimo futuro…. E in piu’ ho investito tutto cio’ che avevo in un’attivita’ …… Ma per colpa della burocrazia e di centimetri…. Mi fanno lavorare solo 3 mesi all’anno e malissimo. Vorrei solo sapere come ci si puo’ muovere!!! Non siamo uniti abbastanza

    Rispondi
  • LETIZIA

    …………………GRANDE…………….SOLO SPERO CHE MOLTI FACCIANO COME TE PERCHE’ NON CI SIANO RITORSIONI…….

    Rispondi
  • Orecchio Vincenzo Antonio

    Prendiamo esempio da questo GRANDE UOMO…. COMMERCIANTI di TUTTA ITALIA uniamoci e mandiamo affanculo lo stato … non battiamo piu gli scontrini.. e’ ora di ribellarci… Sarebbe ora lo facessimo tutti i commercianti… Ma purtroppo siamo una massa di cacasotto ….. forza io sono cn te… ti ammiro…. SEI UN GRANDE.

    Rispondi
  • vergogna

    Tutti ad applaudire e nessuno a dire la verità: LEI E’ UN EVASORE A TUTTI GLI EFFETTI!
    Non potete inneggiare ad azioni illegali, perchè di questo si tratta, di ILLEGALITA’.
    Lei in questo modo si adegua a tutta la fascia che tanto dice di voler combattere: ladri, evasori, mafiosi.

    Rispondi
  • maria

    Grandissimo, ammiro profondamente il suo coraggio

    Rispondi
  • franco or.

    bravissimo roberto anchio sono titolare di una dita da 30 anni in proprio,dunque dobbiamo smetterla di farci prendere i nostri sudati pochi soldi da questa massa di luridi bastardi politici che non sanno fare altro cche rubare al popolo italiano. dunque spero che tutti uniti artigiani commerciant imprenditori piccoli è grandi che siano dobbiamo smettere di ifarci prendere per culo io sono pronto con tutti a fare protesta ,uniamoci l,unione FA LA FORZA.FATE GIRARE TUTTI COMENTI IN ITERNET IN MODO DA FAR SAPERE A TUTTA L,ITALIA è SPECIALMENTE ALLA MIA TERRA , CHE è LA SARDEGNA, STIAMO TUTTI AFFONDANDO DIAMOCI UNA SVOLTA AL PIU PRESTO PER IL BENE E IL FUTURO DEI NOSTRI FIGLI

    Rispondi
  • Floriana

    La verità è che dovremmo farlo tutti…ma siamo dei pecoroni senza attributi…solo insieme si vince la guerra…

    Rispondi
  • Michele

    quando questa specie di “popolo italiano” sarà in grado di cantare la “marsigliese” e marciare contro questa tirannide?

    Rispondi
  • Vittorio Burchielli

    Ecco un altro imprenditore che invece di farsi schiacciare dalla depressione alza le spalle e drizza la schiena , Anche io ho adottato una forma di protesta simile da Gennaio 2012 , simile perché non pago più niente di tasse , anche perché schiacciato dai debiti e con incassi irrisori , ma continuo a battere gli scontrini e tutta la mia contabilità è su una scrivania anche perché trovate un commercialista che vi segue gratis fino a che non potrete pagarlo.
    TANTISSIME PECORE CHE SI LAMENTANO CON CHIACCHERE DA BAR , POCHISSIMI PICCOLI LUPETTI CHE CERCANO DI FAR RISPETTARE LORO E IL LORO LAVORO ONESTO!!!

    Rispondi
  • Dubbioso

    Sarebbe interessante sapere se quando compra dai suoi fornitori si fa fare la fattura e si scarica, poi, l’iva dalle tasse.
    In tal caso, sarebbe solo un furbacchione, oltre che un disonesto, perché oltre a non pagare le tasse (e cioè a privare TUTTI noi dei soldi che servono a finanziare il funzionamento di servizi come le scuole, le autostrade e gli ospedali) ci guadagnerebbe anche sopra, “scontandosi” l’iva pagata ai fornitori senza però restituirla allo stato: praticamente un doppio furto.
    Leggere qui tanti commenti di gente che applaude una cosa del genere mi fa rabbrividire, e mi ricorda che non c’è niente da fare, l’Italia andrà sempre più a scatafascio non solo per colpa dei suoi politici (votati da voi, non dagli alieni) ma anche e soprattutto per colpa del suo popolo, il più allergico del mondo a ogni regola di civile convivenza: ognuno per sé, e fottersene del bene comune. Senza neanche rendersene davvero conto. Come gli animali, che agiscono d’istinto e non hanno neanche gli strumenti per rendersi conto delle conseguenze delle loro azioni.
    Peccato che non siate neanche un grado di vergognarvi delle idiozie che scrivete.
    Intanto io pago le tasse fino all’ultimo centesimo, anche quelle che mi sembrano ingiuste. E le pago anche per questo signore furbetto e per i tanti infami ladri evasori che mandano in rovina le casse dello stato. E voi li applaudite pure, invece di schifarli. Davvero sconfortante. Pecore.

    Rispondi
  • Francesco

    Bravo Roberto, anch’io la penso come te! Se hai bisogno di una mano per allearci contattami !!!Spero che lo facciano in molti!

    Rispondi
  • ENZO

    W. LA GENTE COME TE CCCO LE PALLE

    Rispondi
  • longoneri sandro

    Benissimo !!! Buon inizio !!

    Rispondi
  • Alessio

    Bravo, sono d’accordo con te! Ora, per coerenza, non mandare i tuoi figli ad una scuola pubblica, fatti visitare solo da medici ed ospedali privati, guida solo su strade private e così via. Questo perché anche io sono stanco di dover pagare le tasse anche per gli evasori fiscali, e se qualcuno decide di fare una protesta giusta come questa non deve essere assolutamente scambiato per un evasore fiscale che si maschera da rivoluzionario…

    Rispondi
    • Leonardo

      Ma se i soldi guadagnati col sudore della fronte vanno a finanziare guerre, lobby ed altro, a te va bene?
      A me no!

      Comincino loro a dare il buon esempio facendo la lista di dove finiscono tutti i soldi delle nostre tasse, poi se ne può parlare.
      Purtroppo la verità è che questi politici che sono li da decenni non hanno nessun interesse a far star bene la gente, quindi un’azione del genere è ben difficile da parte loro.

      Meglio non sbagliare il voto alle europee, o veramente finiamo di tagliare il ramo sul quale siamo seduti.

      Rispondi
  • carmine

    siamo bravi a parlare ora tutti contro lo stato come se fosse un corpo estraneo dal quale difendersi, come se noi fossimo cittadini stranieri. Fa bene il commerciante a non pagare le tasse? quali tasse? il 21% dell’IVA che lo stato a sua volta gli restituisce perché lui lo ha solo anticipato. Chi lo paga quel 21% siamo noi cittadini quando acquistiamo la merce non lui. Per fare una protesta positiva perché non riduce parte del suo guadagno annuale. Lui dirà certamente che ha sempre pagato tutto quello che la legge prescrive nella denuncia di reddito, da sempre. Ma questo lo dicono tutti in assoluto. Se crediamo lui perché non credere anche agli altri? se così è allora gli evasori in Italia sono solo nella nostra fantasia. Tanto chi paga sempre sono i soliti noti: pensionati a 1000 euro dopo oltre quarant’anni di duro lavoro e pubblico impiego con lo stipendio fermo dal 2008. l’anno in cui ebbe inizio la crisi ma tutti voi eravate d’accordo con chi affermava che in Italia non c’è crisi che i ristoranti sono pieni, negli aeroporti la coda, che i nostri conti sono apposto e che le imprese che dislocavano erano nel diritto d farlo. Insomma finita l’ubriacatura e ritornati nella realtà ci siamo accorti del grande bluff. Ma le colpe sono sempre degli altri noi tutti vittime innocenti……io non direi!

    Rispondi
  • domenico

    Bravo, che aspettiamo scateniamo una rivoluzione generale

    Rispondi
  • marco

    dubbioso! ma smettila de di caxxate. ci hanno reso schiavi! cosi si lotta contro lo stato se nessuno e dico nessuno pagasse voglio vedere quanto ci metterebbero a ritornare nei ranghi questi ladri schifosi.

    Rispondi
    • Leonardo

      Comunque la strada più veloce è quella di partecipare alla politica, aiutare e votare chi non ha causato questi danni economici inestimabili.

      Rispondi
  • Artemio

    Solo provocazione: le tasse si devono pagare e basta e forse chi le paga tutte, se tutti le pagano avrà un vantaggio.

    Rispondi
    • Leonardo

      Se i soldi vanno a finanziare guerre, lobby e gli amici degli amici, possiamo pagare tasse finché vogliamo, ma resteremo in rosso.
      Vorrei ricordare che l’ingordigia non ha fine. Più soldi ci sono, più se ne pappano.

      Rispondi
  • Simone

    Se non ce la fate più a pagare, basta chiudere la serranda e mettersi come dipendente…troppo difficile?
    è facile avere un attività, evadere le tasse e poi giustificarsi con un semplice ”Eh ma io non ce la faccio”, troppi ne conosco che si comportano cosi e non pagano manco le tasse dei dipendenti mettendoli a nero.

    Se è per questo manco io ce la faccio con il mio stipendio, non per questo vado a rapinare gli uffici postali…..

    Rispondi
  • Alfonso

    Signor . Simone
    Visto che conosce imprenditori che hanno il personale in nero
    Perché non inizia lei la rivoluzione
    Denunci costoro che sfruttano gli operai !!

    Un lavoratore

    Rispondi

Lascia un commento

Copyright ©2012-2014

Vai all'inizio